6 ottobre 1924, in Italia la prima trasmissione radiofonica

ottobre 6, 2016

Il 6 Ottobre del 1924 nasce in Italia la prima trasmissione radiofonica. La voce è quella di Maria Luisa Boncompagni. È un programma ancora scarno, composto di musica operistica, da camera e da concerto, di un bollettino meteorologico e notizie di borsa.
Annuncio prima trasmissione (1924)
Boncompagni ricorda (1984)
L’URI, Unione Radiofonica Italiana, prima società concessionaria della radiodiffusione in Italia, viene fondata il 27 Agosto 1924 come accordo tra le maggiori compagnie del settore: Radiofono, controllata dalla compagnia Marconi, e SIRAC(Società Italiana Radio Audizioni Circolari).
Presidente della Società Enrico Marchesi ex direttore amministrativo della FIAT di Torino. Fondamentale la mediazione del Ministro delle comunicazioni Costanzo Ciano.
L’Agenzia giornalistica Stefani è designata dal governo come l’unica fonte delle notizie che l’URI può trasmettere. Si tratta della prima agenzia di stampa italiana nata a Torino nel 1853, voluta da Cavour come portavoce della sua politica. Nel 1924 diventa proprietà di un fedelissimo di Mussolini, Manlio Morgagni che ne fa un potente strumento di regime.
L’Unica stazione trasmittente è quella di Roma, posizionata nell’attuale quartiere Parioli, allora ancora campagna. Siamo agli inizi e il pubblico è composto da amatori interessati più alla novità tecnologica del radioascolto che ai programmi veri e propri.
Nel gennaio 1925 nasce il Radiorario, settimanale ufficiale dell’URI. L’intento è quello di propagandare il nuovo mezzo e nel contempo di conoscere meglio i gusti e le opinioni di un pubblico ancora da formare. Poco dopo, tra il ’24 e il ’29, si comincia a trasmettere, oltre che da Roma, anche dalle sedi di Milano (1925) da Napoli (1926) e Torino (1929).
Nel gennaio 1928 l’URI diventa EIAR, Ente Italiano per le Audizioni Radiofoniche. L’evento segna il vero e proprio atto di nascita della radiofonia in Italia che inizia ad imporsi come mezzo di comunicazione di massa e che come tale verrà utilizzato dal regime.
La radio è moderna e veloce. La versalità del nuovo mezzo stupisce gli ascoltatori sorpresi dai primi collegamenti da treni in corsa o da aeroplani. La giovane radio intrattiene e conquista un pubblico sempre maggiore. E via via che si definisce la fisionomia del pubblico emergono le concrete ambizioni culturali dell’EIAR che vuole coniugare informazione, divertimento e notizie politiche.
Nel giugno del 1933 si diffonde la Radiorurale. Si tratta di un ricevitore a prezzo imposto e con caratteristiche standardizzate promosso dall’Ente Radio Rurale, istituto del Regime per la diffusione della radio in ambienti collettivi e soprattutto nelle zone rurali delle bonifiche agrarie. L’apparecchio è acquistabile solo dagli enti governativi e dagli istituti scolastici o per donazione agli stessi. Oltre tre milioni di scolari italiani hanno cosi’ conosciuto la radio e incominciato a conoscere la lingua italiana.

Annunci

90 anni di televisione, la sua storia in uno speciale da scaricare

febbraio 5, 2016

Ancora un documento interessante per commemorare il novantesimo anniversario della nascita della televisione. Una rivista in PDF di Selezione di Tecnica Radio – TV Speciale del 1975, con la storia della Televisione, che vi proponiamo con piacere e scaricabile qui, buona lettura ed auguri alla nostra TV.

Storia-TV-1975 copertina


“La televisione per tutti” di Fracarro

febbraio 4, 2016

Nel 90° anniversario della prima dimostrazione della televisione, dell’ingegnere scozzese John Logie Baird in un laboratorio di Soho, a Londra, davanti ai membri della Royal Institution, proponiamo una interessante trattazione didattica sulla televisione ad opera di G. e B. Fracarro, fondatori della nota ditta italiana di antenne televisive, che potete scaricare a questo link.

TVpT copertina


AIRE Toscana e l’anniversario dei 90 anni della Radio: Serata 90 anni OnAir con Renzo Arbore

ottobre 13, 2014

Le onde della radio, per i suoi 90 anni, si propagano nei 5 Quartieri della città ; Firenze festeggia l’invenzione di Marconi con un progetto itinerante ideato dalla “Compagnia delle Seggiole” specializzata nel riproporre dal vivo sketch e programmi radiofonici.
Il giornalista-scrittore Marcello Lazzerini ideatore di questa iniziativa “90 anni On Air “ ha concluso il percorso rievocativo del 90° compleanno della RAI il 6 ottobre con un spettacolo finale nel mitico studio “C” della sede Rai Toscana di Firenze sempre coinvolgendo con il suo repertorio la “Compagnia delle Seggiole”.
Per ripercorrere la sua storia, fra fasti e acciacchi, la Rai Toscana nella persona del dr.Jengo e dei suoi collaboratori coinvolgendo la “Compagnia delle Seggiole, l’AIRE Associazione per la Radio d’Epoca – Gruppo Toscano e i 5 Quartieri di Firenze hanno pensato a questa festa di compleanno ha testimonianza del ruolo assunto dalla Rai , e in particolar modo a Radio Firenze , nel risentire e vedere volti e voci di un tempo.
L’AIRE che era presente con una mostra già dal 13 febbraio 2014 per la giornata mondiale della radio promossa dall’UNESCO ha dato la possibilità agli invitati allo spettacolo finale di ammirare gli antichi apparecchi radio e altro degli anni 20 fino al 1960 esposti nella sede fiorentina e restituiti a vita dai soci dell’Associazione.
La serata si è aperta con la lettura di un messaggio scritto da Enzo Arbore, socio onorario AIRE, nel lodare l’iniziativa e ringraziare tutti quanti hanno collaborato alla realizzazione dell’evento concludendo:
Ciao cari Amici Vicini e Lontani Vi saluto con Alto Gradimento

Messaggio Arbore x 90 anni

 

Il Direttore Rai Toscana Dr. Jengo

Il Direttore Rai Toscana Dr. Jengo


La radio italiana compie 90 anni

ottobre 10, 2014

Tiscali: In Toscana di Giulio Schoen. Firenze, 10 Ott. – Sono 90 e nonostante l’età, le difficoltà incontrate e gli acciacchi sembra avere sette vite. Come i gatti. Parliamo della cara, amatissima radio. Una grande invenzione, dovuta a quel genio di Marconi, che accompagna ancora, nonostante il potere attrattivo della tv, la nostra vita quotidiana: certo, non più “nuovo focolare” come è stata dagli anni successivi al 1924, quando divenne strumento di comunicazione di massa entrando in ogni casa, fino all’avvento e allo sviluppo trent’anni dopo, della tv. Ma la cara radio, che è stata un po’ la colonna sonora delle vita dei nostri nonni e padri, come il cinema ce lo ricorda spesso, sembra aver ritrovato una sua vitalità tanto che l’audience radiofonico si è ancora dilatata.
E’ proprio per ripercorrere, velocemente, alcuni momenti salienti della sua vita, che la Direzione della Sede Rai della Toscana e la Compagnia delle Seggiole, specializzata nel riproporre dal vivo noti sketch e programmi radiofonici, hanno organizzato per il 6 ottobre, nel “mitico” Studio C di Largo Alcide de Gasperi, una serata particolare dal titolo, appunto, “90 anni on air”. Un modo per restituire voce a quegli antichi apparecchi radio esposti nella sede fiorentina, e ricordare anche il ruolo assunto da Radio Firenze dal dopoguerra in poi, attraverso i suoi programmi culturali e innovativi (da quelli in vernacolo ai programmi a quiz, musicali e teatrali) e giornalistici.
L’omaggio della Compagnia delle Seggiole
Un progetto dedicato ai 90 anni della radio italiana (6 ottobre 1924 – 6 ottobre 2014) composto da 10 serate sul territorio in collaborazione con i 5 Quartieri del Comune di Firenze e da una serata finale nello “STUDIO C” della Sede Rai per la Toscana. In ogni quartiere è stato presentato un Radiogiallo di Ellery Queen, già nel repertorio della Compagnia e proposto dal 2005, e una serata dedicata alla trasmissione Grillo Canterino dal titolo “QUANDO IL GRILLO CANTAVA…la trasmissione radiofonica che innamorò Firenze” a cura di Sabrina Tinalli.
Per la serata finale alla Sede Rai per la Toscana, gli spettatori sono stati selezionati durante i 10 eventi sul territorio con varie modalità a seconda del tipo di serata.
Video e fotogallery


90 anni ON-AIR: il Museo della Radio con AIRE Toscana

ottobre 5, 2014

locandina mostra rai


Novant’anni di radio e dieci di show, il progetto della Compagnia delle Seggiole, tra Radiogialli e “Grillo Canterino”

settembre 24, 2014

LA NAZIONE 24 09 2014 90 ANNI ON AIR-1

 

Esibizione Compagnia Seggiole